Santi Patroni 0 2021-11-23

articolo ripreso da portalecce e scritto da Andrea Pino

Come previsto dal calendario delle celebrazioni giubilari oronziane, si è svolto domenica scorsa, il Giubileo della Coldiretti e del mondo del lavoro.

 

 

 

La santa messa, presieduta da mons. Donato Negro, arcivescovo di Otranto e presidente della Conferenza episcopale pugliese e concelebrata dal nostro arcivescovo, da mons. Nicola Macculi, direttore della Caritas di Lecce e Consigliere ecclesiastico nazionale di Coldiretti, dai Domenicani del Santuario della Madonna della Coltura di Parabita e da altri sacerdoti, ha visto la numerosa partecipazione dei dirigenti provinciali della Coldiretti e di esponenti del mondo del lavoro.

Significativo il saluto iniziale dell’arcivescovo Seccia che, per la particolare circostanza, ha invocato la protezione di Sant’Oronzo contro le calamità naturali, specialmente contro la siccità e le alluvioni.

Altrettanto pregnante il pensiero omiletico di mons. Negro il quale, commentando il vangelo della solennità di Cristo Re, ha sottolineato come Sant’Oronzo abbia preferito a costo della vita il Re divino - al quale si era convertito tramite la predicazione di San Giusto - al re umano, cioè il governatore della città, che con tutti i mezzi aveva tentato di distoglierlo dalla sua fede.

Segno concreto di questo giubileo è stata l’offerta di circa cinquanta cesti di frutti della terra destinati alle varie mense Caritas della diocesi di Lecce.

Racconto per immagini di Arturo Caprioli