articolo ripreso da portalecce

Il cammino di quaresima guardando un film? Si. Ci ha pensato la Commissione nazionale valutazione film (Cnvf) della Conferenza episcopale italiana, che propone un sussidio pastorale per la Quaresima e la Pasqua con spunti di riflessione a partire da sette titoli di film, disponibili sulle principali piattaforme in streaming.

 

 

Il sussidio, preparato da Sergio Perugini, don Andrea Verdecchia ed Eliana Ariola, vuole far capire, in questo “tempo contrassegnato dalla frammentarietà e dalla dispersione, amplificate dalla disperazione per la pandemia da Covid-19”, che “occorre rieducare gli occhi a visioni di senso”. 

È suddiviso in 7 schede e ciascuna richiama un passo del messaggio per la Quaresima di Papa Francesco, una parola chiave, una piaga del presente e una suggestione teologico-pastorale cui segue la proposta di un film.

Il Sussidio non propone titoli cinematografici "cattolici", ma racconta le “stazioni della croce” nell’oggi - malattia, morte, lutto, solitudine, emarginazione, povertà, assenza di lavoro, malavita, criminalità e guerra – per rintracciare le orme della risurrezione. Viene offerta anche una riflessione sull’importanza della cultura, della memoria, della storia, oltre che della famiglia, delle relazioni, e soprattutto sul ruolo della donna. 

I film: Un luogo, una carezza di Marco Marcassoli; La sfida delle mogli di Peter Cattaneo; Cosa sarà di Francesco Bruni; Soul di Pete Docter; La nave sepolta di Simon Stone; Sorry We Missed You di Ken Loach; Il sindaco del rione Sanità di Mario Martone.

I film scandiscono il tempo di Quaresima, dalla prima domenica alle Palme e alla Pasqua, mentre un focus finale, a firma del presidente della Cnvf, Massimo Giraldi, è dedicato alle pellicole sulla figura di Gesù Cristo.