articolo ripreso da portalecce

Calato il sipario su Dior Cruise 2021 e mentre la piazza via via torna a riassumere il suo aspetto originario, è giunto il momento dei saluti e soprattutto il tempo della gratitudine. Reciproca.

 

gratitudine chiuri rid

 

E così, nell’afoso pomeriggio salentino di fine luglio è tornata a bussare alla porta dell’arcivescovo, Maria Grazia Chiuri, la vera regista dell’evento che ha portato Lecce in tutto il mondo, colei che l’ha pensato, voluto e portato a compimento. Per salutare l’arcivescovo prima di ripartire e soprattutto per ringraziarlo per la grande opportunità che la Curia leccese ha concesso alla maison francese.

Gratitudine anche da parte di Seccia che durante il breve colloquio in episcopio, familiare e cordiale, come i protagonisti dell’incontro ha omaggiato la direttrice artistica di un’opera in cartapesta, realizzata secondo il metodo tradizionale dal maestro Marco Epicochi, raffigurante proprio Piazza Duomo.

Soddisfatta la Chiuri per la riuscita dell’evento e per i riscontri che in queste ore le giungono da tutto il mondo circa la perfetta fusione tra l’alta moda Dior e la cultura della bellezza che a Lecce trova la sua sintesi perfetta. “Stanca ma felice - ha detto”. E sulla scelta di questa piazza “non ho mai avuto alcun dubbio. Sapevo che sarebbe stato un successo e che avrei portato il ‘mio’ Salento, dal mio cuore al mondo intero”. Foto di rito finale e alla prossima.