articolo ripreso da portalecce

Accrescere la bellezza per accrescere la speranza. Questo è il forte e convinto invito e slogan dell’arcivescovo ai ragazzi di LeccEcclesiae che domani riprende la sua attività di accoglienza dei turisti nelle chiese barocche dopo l’improvvisa chiusura della quarantena dovuta al Covid19.

 

 

Un periodo che ha bloccato un percorso che andava totalmente in crescita per la cooperativa Art Work che gestisce il servizio per conto della diocesi ma che non ha dato motivo di resa ai dirigenti del servizio, anzi, ha dato sprono a fare di meglio per una ripartenza più attiva e coinvolgente per tutti. E questa ripartenza è finalmente arrivata con il migliore degli auspici sia da parte del presidente Paolo Babbo, che ha incontrato, insieme con il pastore, nell’antico seminario di Piazza Duomo tutti i ragazzi che lavorano all’accoglienza nelle chiese barocche del centro storico, incoraggiandoli a riprendere con entusiasmo in vista di un nuovo futuro, sia da parte dell’arcivescovo Michele Seccia che ha esortato a una speranza nuova e viva attraverso la bellezza, attraverso l’arte di cui la nostra terra è piena e ricca.

 

0a

 

“Che non sia solo un motivo per ripartire economicamente - ha aggiunto Seccia -, che rimane un aspetto importante e di sostegno per le più di trenta famiglie dei ragazzi che ripartiranno nel loro lavoro, ma sia in primo luogo segno di speranza viva e di accoglienza significativa”.

Il coordinatore, responsabile di LecceEcclesiae, Matteo Perrone ha messo poi in primo piano l’emozione di potersi ritrovare tutti presenti e di nuovo insieme per ricominciare dopo l’ultimo triste incontro agli inizi di marzo per annunciare l’improvvisa chiusura del servizio.

 

1a

 

Tutto ciò a sottolineare come LeccEcclesiae sia diventata nella diocesi e per la città non solo un servizio turistico a fini commerciali, ma una famiglia che punta alla valorizzazione personale e della bellezza che è patrimonio culturale e di fede. Ci si augura che possa essere l’inizio di tante altre iniziative di rinnovamento per un servizio sempre più dinamico e presente.

 

2a

 

È in via di realizzazione un’apposita app per cellulari utile per visitare le chiese e il museo diocesano di arte sacra, dal momento che non possono più essere consegnate guide cartacee per questioni sanitarie e di sicurezza. I turisti e i visitatori verranno accolti in maniera totalmente innovativa per dare nuovo spirito e coraggio a una ripartenza che tutti auspicano e desiderano.

 

3a

 

LeccEcclesiae non solo riparte ma punta in alto: indispensabile segno di speranza.