AL VIA IL PROGETTO “LECCECCLESIAE” PER L’APERTURA PROLUNGATA DELLE CHIESE BAROCCHE DEL CENTRO STORICO Si è tenuta questa mattina presso la sede dell’Episcopio la presentazione del progetto “LeccEcclesiae - Alla Scoperta del Barocco”, un progetto promosso dall’Arcidiocesi di Lecce e realizzato dalla Cooperativa sociale Art Work. Il progetto, fortemente voluto dall’arcivescovo mons. Michele Seccia, nasce dall’obiettivo di rendere fruibile per un tempo più lungo e idoneo parte del prezioso patrimonio storico artistico della città e di garantire da una parte la cura e la manutenzione dei beni in questione, dall’altra la crescita economica della comunità. Nello specifico, il progetto consentirà, attraverso la corresponsione di un ticket da parte dei visitatori, sia l’apertura delle quattro chiese più visitate della città - la Cattedrale Maria SS. Assunta (Duomo), San Matteo, Santa Chiara e la basilica di Santa Croce - sia l’apertura del Museo diocesano e del chiostro dell’antico seminario. A dicembre, il giorno di Capodanno, a Pasqua e nei mesi da maggio a settembre le chiese, il museo e il chiostro sa-ranno aperti per 12 ore al giorno dalle ore 9 alle ore 21, ogni giorno della settimana. Nei mesi invernali, l’apertura sarà garantita no stop e la chiusura anticipata alle ore 18. Il servizio non garantirà soltanto l’apertura dei beni storico artistici sopracitati, ma la pulizia, la presenza di personale addetto che vigili sul decoro e sulla corretta fruibilità e il reperimento di fondi - attraverso il costo del biglietto - per la custodia e la manutenzione degli stessi beni. I visitatori attraverso il pagamento di un biglietto d’ingresso di 10 euro – valido per 15 giorni - potranno avere a disposizione del materiale informativo e scoprire le 4 chiese, la cripta del Duomo, il Museo diocesano e il chiostro dell’antico seminario. L’ingresso sarà gratuito per i residenti nella diocesi di Lecce, per tutti i bambini al di sotto degli 11 anni e per i fedeli nei momenti di preghiera individuale e collettiva. Si garantisce inoltre la massima collaborazio-ne con le guide turistiche autorizzate, alle quali si prevede, per esempio, di destinare appositi orari di visita. La cooperativa sociale Art Work, la cui finalità è la tutela, la valorizzazione e la salvaguardia dei beni culturali, si farà carico della tutela del patrimonio storico artistico in questione, della sua valorizzazione, della promozione della co-noscenza dell’arte sacra e della storia locale. Il tutto attraverso l’assunzione di diverse figure professionali impegnate in servizi turistici a più livelli. Soddisfatto l’arcivescovo Michele Seccia: “Come promesso, dopo aver dedicato la mia prima estate leccese - quella del 2018 - ma anche gli altri periodi dei flussi turistici, all’osservazione e all’analisi del fenomeno del turismo cultu-rale e religioso in città, dopo essermi a lungo consultato con i miei collaboratori e con i sacerdoti che operano nelle comunità parrocchiali del centro storico, i quali mi hanno illuminato su tutte le questioni inerenti e sulle problema-tiche emerse fino ad oggi, siamo pronti per partire con un progetto che grazie alla collaborazione della Cooperativa Art Work ci consente raggiungere almeno tre obiettivi. “Il primo: l’apertura autonoma, autogestita e prolungata delle chiese e dell’antico seminario anche negli orari in cui solitamente questi siti restano chiusi”. Il secondo: razio-nalizzare e organizzare le visite nel rispetto della dignità dei luoghi e dei tempi dettati dalle liturgie: essi meritano il giusto decoro e i comportamenti adeguati. È bene, infatti ricordare che le chiese, quelle antiche e quelle moderne, sono anzitutto case di preghiera e in esse il silenzio insieme con un abbigliamento e un contegno consoni sono regole imprescindibili e inderogabili. Terzo - ma non ultimo per importanza - ma direi, invece, fondamentale: offrire nuove occasioni di lavoro a qualche giovane disoccupato ma qualificato in ordine alle attività richieste compresi l’ordine e la pulizia dei luoghi”. “Credo - ha concluso Seccia - che la stagione ormai alle porte possa iniziare sotto i migliori auspici e nelle forme più idonee con un tentativo ulteriore: quello di destagionalizzare l’offerta grazie ad un’organizzazione più rispondente alle attese dell’utenza”. “La nostra più grande soddisfazione - ha dichiarato Paolo Babbo, presidente di ArtWork - deriva dall’essere riusciti a coniugare, secondo le indicazioni e le richieste dell’arcivescovo, le esigenze dei fedeli - la cui tranquillità deve essere assicurata durante le funzioni - con quelle dei turisti che potranno fruire tutto il giorno dei monumenti più belli della nostra città, divenuta negli anni a forte valenza turistica. Come accade nelle più belle città d’arte d’Italia, gli ingressi saranno regolati da un’apposita biglietteria gestita con uno dei più sofisticati software per rendere più veloce ed efficace il servizio offerto. Il progetto, che ci impegniamo a far partire già nel mese di maggio, genererà numerosi posti di lavoro e garantirà le risorse per finanziare le opere di manutenzione e di restauro, salvaguardando e perpetuando il nostro patrimonio culturale”.