tratto da Famiglia Cristiana

A Lecce le suore Clarisse francescane hanno scelto una struttura in legno che richiama i valori cristiani e rispetta l'ambiente

Anche i monasteri diventano sostenibili. Le suore Clarisse Francescane di Lecce hanno pensato anche all’ambiente quando hanno deciso di far costruire il loro nuovo monastero. Realizzato in soli 8 mesi da Rubner Haus con il sistema “Casablanca” e commissionato dalle Clarisse Francescane, il Monastero segue i principi costruttivi del prefabbricato e porta con sé tutti i benefici di una struttura in legno: naturale al 100%, sostenibile, che profuma di resina e mantiene la temperatura e l’umidità ideali all’interno degli spazi.  Il nuovo Monastero, che è stato realizzato in uno spazio di circa 600 metri quadri, rispetta le caratteristiche tipiche dell’architettura rurale salentina. A dividere la zona di vita monastica da quella di accoglienza, vi è la cappella di 12mx7m, due numeri emblematici del simbolismo cristiano che ripropongono rispettivamente il numero degli Apostoli e i giorni impiegati da Dio per la creazione del mondo. La parte centrale della struttura è invece occupata da: capitolo (sala destinata alle adunanze della comunità religiosa), biblioteca, laboratori, cucina e refettorio, alle cui spalle, vi sono le sei celle di 9 mq ciascuna, con servizi annessi. Sono inoltre presenti vari cortili a mo’ di chiostro con funzione di posto di lavoro all’aperto. Leggermente distaccata dalla struttura principale, vi è una foresteria destinata ad accogliere i bisognosi o chiunque necessiti di un momento di ritiro spirituale. «Ad averci conquistate è stata l’idea di semplicità e frugalità nel rispetto della natura e dell’ambiente» racconta Suor Marilù, una delle consorelle che abita il nuovo Monastero. «Per noi, che siamo ordini mendicanti, la casa in legno simboleggia l’essere il più possibile coerenti con la vita naturale e semplice che abbiamo scelto di perseguire». Le abitazioni in legno presentano diversi punti di forza tra cui l’ecosostenibilità: l’utilizzo di materiali edili ecologici, come il legno e il sughero, garantisce un’alta efficienza energetica. Per trasportare i materiale da costruzione di una casa Rubner Haus di 100mq sono sufficienti 3 camion contro i 20 di una casa in muratura, con conseguente risparmio di carburante e di emissioni di CO2. Inoltre, la quantità di abete utilizzata in media per costruire una casa, ricresce in circa 23 secondi.      Le abitazioni in legno presentano diversi punti di forza tra cui l’ecosostenibilità: l’utilizzo di materiali edili ecologici, come il legno e il sughero, garantisce un’alta efficienza energetica. Per trasportare i materiale da costruzione di una casa Rubner Haus di 100mq sono sufficienti 3 camion contro i 20 di una casa in muratura, con conseguente risparmio di carburante e di emissioni di CO2. Inoltre, la quantità di abete utilizzata in media per costruire una casa, ricresce in circa 23 secondi.