Dall’Archivio Diocesano/Documenti storici Oronziani

Dall’Archivio Diocesano/Documenti storici Oronziani

3 Febbraio 1772/DALL’ARCHIVIO DEL CAPITOLO CATTEDRALE DI LECCE…

L’INDULGENZA PER TUTTA L’OTTAVA 

Il 3 febbraio 1772 il Capitolo (importante organismo con sede nella chiesa cattedrale impegnato a collaborare direttamente con il Vescovo) e l’Università (che odierna­mente definiremmo Comune o Municipio) della città di Lecce indirizzano al Santo Padre Clemente XIV (al se­colo Gian Vincenzo Antonio Ganganelli, assiso sul trono di Pietro dal 19 maggio 1769 al 22 settembre 1774) una richiesta ben precisa relati­va all’ottava di S. Oronzo. Entrambe le istituzioni sopra menzionate con “divota e riverente supplica” espongo­no come nella città di Lecce nel giorno 26 agosto, nella Chiesa Cattedrale, si festeggi la memoria del glorioso mar­tire “S. Oronzio”, Vescovo e Protettore Principale della Città “e di tutta la Provincia” con tutta la possibile “divo­zione, pompa e Sollenità” per tutta l’Ottava, cui concorrono “tutti i Cittadini, i Provinciali e i Forastieri”.

s oronzo sagrestia - Copia

Lecce, sagrestia della Cattedrale

In virtù dei miracoli e prodigi compiuti dal Santo, Papa Innocen­zo XII (al secolo Antonio Pignatelli, pontefice dal 12 luglio 1691 al 27 settembre 1700, già Vescovo di Lecce tra il 1671 e il 1682), con­cesse l’Indulgenza plenaria perpetua in detto giorno (26 agosto) perché la Città è una delle più popolosa del Regno ed è grandissimo il concorso “di Provinciali e Forastieri”. Proprio in relazione a tale grande partecipazione popo­lare si pone il problema che non tutti possano guadagnare in un solo giorno siffatta in­dulgenza. Al fine di risolvere tale limitazione si supplica umilmente la Somma Cle­menza del Santo Pontefice affinché voglia benignamente degnare di “accordarli” la grazia di ampliare la “detta Indulgenza” per tutta l’ottava del Santo. In tal modo tutti potranno “essere consolati” e guadagnare un grande tesoro, quello “della Grazia”.

 Giacomo Cominotti

Condividi questo post